La vasocottura: come esaltare in modo sano sapori e profumi dei cibi

Riscopriamo un metodo antico per cucinare in modo sano, gustoso e profumato: la vasocottura.

Sappiamo bene che esistono vari metodi di cottura, più o meno sani, più o meno rapidi o pratici.

Ultimamente è tornato molto in auge un metodo tradizionale molto antico: la vasocottura. Non è che la cottura in vaso e, più precisamente, nei vasetti di vetro.

Si tratta di un metodo che potremmo definire a metà tra cottura al vapore, cottura al cartoccio e pentola a pressione, ma che esalta molto di più gusti e profumi del cibo.

Con la vasocottura si può cuocere di tutto, dal primo al dessert, l’unica regola è che tutto deve essere freschissimo. Bisogna però evitare di cuocere in vaso i funghi poiché con la cottura si liberano tossine che poi resterebbero all’interno.

Potete iniziare con le verdure, da cuocere semplicemente con olio e aromi per poi dare libero sfogo alla vostra creatività.

Cucinare nei vasi è, inoltre, semplicissimo: si mettono all’interno del vaso tutti gli ingredienti facendo attenzione a non riempirlo fino all’orlo, si chiude e si cuoce sui fornelli a bagnomaria o nel forno ventilato (60°/80°) con dell’acqua.

La vasocottura può essere fatta anche in lavastoviglie, chiudendo i barattoli in sacchetti resistenti al calore, sfruttando il calore prodotto nella fase di asciugatura. E’ possibile anche cuocere in vaso nel microonde ma è un metodo di cottura che in generale andrebbe sconsigliato.

I vasi da utilizzare sono quelli per le conserve, tipo quelli della marmellata per intenderci, dei vasi di vetro con chiusura ermetica. L’importante è controllare che le guarnizioni e i ganci siano integri e chiudano bene al fine di mantenere il sottovuoto.

E’ quindi sufficiente mettere nel vaso tutti gli ingredienti della nostra ricetta (l’importante è che abbiano tempi di cottura simili), aggiungendo pochissimo condimento e tutti gli aromi che vogliamo.

Se usiamo il forno, in una pirofila si sistemano i vasetti con 2 cm di acqua e si fanno cuocere per 15/20 minuti a 60°/80°, mentre a bagnomaria serve un tegame da riempire ai 2/3 dei vasetti di acqua per 15 minuti circa, separando con uno straccio i vasetti perché non urtino tra loro.

Quando la pietanza è cotta, con molta attenzione perché il vasetto sarà bollente, bisogna capovolgere il barattolo per qualche secondo per favorire la distribuzione uniforme dei liquidi e attendere 5/10 minuti prima di aprirli facendo attenzione al caldissimo vapore che ne uscirà.

Aprire il barattolo equivale già a mangiare con l’olfatto e per una cena ad effetto potete servire il vostro piatto direttamente nel barattolo facendolo aprire ai commensali.

Riepilogando, i vantaggi della vasocottura sono:

• Le proprietà organolettiche degli alimenti vengono totalmente preservati;
• I cibi avranno più profumo, sapore, più colore e più consistenza grazie alla chiusura ermetica;
• La preparazione è molto veloce e non richiede azioni come il mescolare o l’aggiungere ingredienti durante la cottura;
• Potrete presentare i vostri piatti in modo molto originale;
• Possibilità di conservazione in frigo per molti giorni grazie all’effetto sottovuoto e riscaldare successivamente all’occorrenza.

Buon appetito a tutti!

 

Mariangela Carotenuto

Mariangela Carotenuto

Laureata in Fisica, Naturopata e Riflessologa facciale Dien Chan Zone® Metodo Sirfa conseguito presso A.I.R.F.I., esperta in Alimentazione naturale e intolleranze alimentari, Iridologia, Erboristeria e prevenzione fitoterapica, Craniosacrale.

    Mariangela Carotenuto ha 9 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Mariangela Carotenuto

    Mariangela Carotenuto
    EnglishItalian