La scienza interiore della medicina Tibetana

Il Tibet è un paese che si localizza su degli altopiani a circa 4900 metri di altezza; la percentuale di ossigeno è minore che in pianura, ma gli abitanti tibetani hanno un corredo genetico che gli permette di vivere a queste altezze; la loro emoglobina è del tipo variante che lega una maggior concentrazione di ossigeno.

La medicina tibetana si inquadra in un’altra cultura diversa da quella occidentale. Si orienta verso l’illuminazione delle proprie qualità interiori al fine di apportare benessere; quindi ha influenze dal buddhismo e ayurvedica, e dalla propria cultura autoctona detta Bompo. Ci sono piante le cui parti sotterranee, radici, tuberi, rizomi, aiutano ad aumentare la luce interiore, cioè guardarsi bene dentro di sé, come ad esempio i tuberi della dioscorea batatas; ciò implica meditazione, altri tipi di concentrazione della mente, o differenti stati mentali; o più semplicemente evadere dalla quotidianità con un viaggio in questi paesi o altri paesi.

Il ruolo fondamentale della medicina tibetana è per modificare il comportamento e abitudine di tipo psicologico e fisico; si interviene  soprattutto su attitudini mentali e relazioni sociali. Si svolge un addestramento della mente mediante tecniche psicofisiche centrate sulla meditazione che permettono di depurare l’organismo di essenze negative.

Nel buddhismo la scienza interiore costituisce un aspetto essenziale, in quanto ha lo scopo di ottenere una specie di illuminazione nel proprio essere, in modo di assicurare una buona salute. Un ruolo di rilievo hanno i programmi incentrati sulla meditazione nel trattamento delle conseguenze dell’ipertensione arteriosa, dello stress, e alcune forme di disagio interiore che si trattano anche con le floriterapie.

Con la medicina tibetana si ristabilisce un’armonia dinamica tra i costituenti dell’organismo di tipo fisico, psicologico, spirituale. I preparati impiegati per curare sono in forma complessa: il principio attivo è all’interno del proprio terreno e ambiente naturale: sono piante, metalli, polveri minerali, parti di organi di animali come un’organoterapia.

In sintesi: altopiani-Bompo-meditazione-buddhismo-organoterapia.

 

Dottor Fabio Renzi

Fabio Renzi

Farmacista, Naturopata, autore saggista Iscritto a Società Medica Bioterapica SMB Italia - email: fabiorenzi.im@gmail.com - sito internet: www.fabiorenzi.altervista.com - iscritto a Associazione Enigmistica La Sibilla, www.lasibilla.altervista.org

    Fabio Renzi ha 24 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Fabio Renzi

    Fabio Renzi
    EnglishItalian