I principi fondamentali per il Naturopata 

Il senso di equilibrio, la misura, il non attaccamento: principi  fondamentali per il  Naturopata

In  questo periodo in cui la normalità è diventata essenzialità potremmo, con un certo ottimismo, guardare al senso di equilibrio e di misura che, nella  nostra società così orientata agli eccessi, spesso ci lasciamo sfuggire.

Eppure l’esperienza ci dovrebbe insegnare  che confidare eccessivamente nelle nostre capacità, qualunque sia il campo in cui le applichiamo, produce disagi quando non causa sventure. Nel nostro rapporto con la natura questo  messaggio ci viene elargito con estrema dovizia.

Così sappiamo come muoverci nelle  placide onde evitando i pericoli degli abissi se non siamo adeguatamente preparati. E le vette montane che sanno regalare preziosi  momenti al nostro intimo sentire non sono così generose verso chi non  rispetta  le sue inderogabili regole …..

E se entriamo nella meravigliosa fucina che è il nostro corpo-mente ci accorgiamo che l’equilibrio  delle sostanze e dei flussi energetici è fondamentale per il suo funzionamento: è sufficiente una piccola alterazione di un parametro quale ad esempio il ph o l’ossigeno   nel sangue per scatenare una cascata di  reazioni che tendono a riequilibrarlo, pena la compromissione della vita stessa….

E’ questa dimensione del limite che possiamo estendere, con alcune semplici riflessioni, alla professione di Naturopata. E’ una doverosa quanto indispensabile qualità che non dovrebbe mai abbandonarci, quando ci prendiamo cura degli altri oltre che di noi stessi.

Nell’ascoltare l’altro, che si rivolge a noi per aver aiuto, è nostro imperativo impegno dare innanzitutto spazio al suo sentire  e riconoscimento personale.

Ma è proprio in questo operato che dobbiamo prestare la massima attenzione alle nostre proiezioni che agiscono nello strato più inconscio perché è possibile che tendiamo di sostituirci a lui, pensando che in questo modo assolveremo meglio  al nostro compito. Sappiamo che non è così. La dimensione entro la quale dobbiamo necessariamente  restare è quella di porgere, con sensibilità e attenzione, le nostre competenze e conoscenze, rispettando i disagi e anche le resistenze del “cliente/paziente” a cui spetta esclusivamente la scelta e la responsabilità della sua guarigione. Noi auspichiamo che questa avvenga prima possibile e la favoriamo con il nostro attento impegno, il nostro studio, il nostro coinvolgimento empatico nella sofferenza ma non dobbiamo essere attaccati al risultato. Come indicano gli insegnamenti di antiche tradizioni filosofiche e religiose nelle nostre  azioni occorre applicarci con massima cura perché il disagio si risolva ma senza bramarne la riuscita ad ogni costo e prima possibile. La differenza è sottile e spesso difficile da valutare   ma non si può ignorare.

Il limite del nostro aiuto è ben definito e invalicabile ed è costituito dall’incontro rispettoso con l’universo dell‘ ”altro” .

Saranno le sue qualità, sulle quali dobbiamo sempre contare e, quando ne ravvisiamo la necessità promuovere, a stabilire tempi e modi perché metta in moto il “suo “guarire.

Non dobbiamo poi dimenticare un altro aspetto importante, forse il più difficile da mettere a fuoco essendo la professione del Naturopata per  sua stessa natura esercitata sotto la spinta di forti motivazioni personali, ed è quello di una tendenza  a farci sopravvalutare le effettive possibilità di soluzione dei disagi che ci vengono presentati. Un appropriato quanto continuo esame introspettivo delle proprie relazioni con i pazienti, ci aiuterà senz’altro a identificare cosa possiamo e cosa non possiamo fare.

E qualora permanga il dubbio che ciò che stiamo per suggerire al “cliente/paziente” possa non essere la migliore soluzione, abbiamo il dovere di manifestare con umiltà la nostra non adeguatezza ad affrontare il problema. Anche in questo caso la coscienza del proprio limite diventa un imperativo essenziale.

In fondo il bravo Naturopata è colui che, in ultima analisi, si attiene ai due comandamenti dell’oracolo di Delfi: conosci te stesso e agisci secondo misura(1). Questo periodo di forzata interiorizzazione può essere una preziosa  occasione da cogliere per chi si impegna nel suo lavoro conoscendo e amando la natura e le sue risorse.

(1) La frase greca tradotta letteralmente è: “Conosci te stesso (γνώθι σαυτόν) e Nulla di troppo (μηδὲν ἄγαν)”.

Prof. Luciano D’Abramo

Print Friendly, PDF & Email

Luciano D'Abramo

Laureato in Fisica con lode all’ Università “La Sapienza” di Roma nel 1974, ha svolto per molti anni la sua attività professionale nell’ambito della progettazione e realizzazione di grandi Sistemi Informativi, principalmente per Enti pubblici quali la Ragioneria Generale dello Stato ed il Ministero dei Beni Culturali. Particolarmente interessato, sin dall’età giovanile, alla ricerca di una possibile sintesi tra le varie discipline scientifiche, oggi ancora troppo frammentate, ha pubblicato nel 1998 il libro “Fisica e Psiche”, trovando possibili collegamenti ed analogie tra le relazioni interpersonali e le leggi della fisica. Dal 2002 svolge interamente la sua attività professionale alla progettazione ed alla erogazione di corsi presso scuole ed istituti superiori ed universitari su materie scientifiche. Fa parte, sin dalla sua costituzione del corpo docenti e del Comitato Scientifico della Scuola di Naturopatia Borri, per la quale svolge seminari e corsi di Biofisica, con particolare riferimento ad argomenti di ricerca di frontiera sulle leggi e le teorie della Fisica applicate ai sistemi viventi, riconducibili alle tecniche ed alle metodiche della medicina naturale.

    Luciano D'Abramo ha 19 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Luciano D'Abramo

    Luciano D'Abramo
    EnglishItalian