Il Rosmarino in Erboristeria e Aromaterapia

Hans / Pixabay

Il Rosmarino (Rosmarinus officinalis) è una pianta perenne aromatica appartenente alla famiglia delle Lamiaceae.

Originario dell’Europa, Asia e Africa, sorge spontaneo nell’area mediterranea nelle zone litoranee, ma si estende dal livello del mare fino alla zona collinare e a quella dei laghi prealpini.

E’ una pianta arbustiva sempreverde, alta dai 50 a i 300 cm, con radici profonde e fusto legnoso marrone chiaro.
Le foglie sono persistenti e coriacee, lanceolate e numerosissime sui rametti, di colore verde cupo superiormente e biancastre inferiormente.
Fiorisce da marzo ad ottobre, è una pianta che sta bene al sole o a mezz’ombra, ha bisogno di caldo, secco, sole e suolo non eccessivamente umido.
La coltivazione di questo arbusto non è per nulla difficile, si trova infatti in moltissimi giardini e su altrettanti balconi e terrazzi. È una pianta molto decorativa in tutte le stagioni ed è una delle spezie più utilizzate della cucina italiana.

I costituenti chimici sono: derivati dell’acido caffeico, diterpeni, triterpeni, flavonoidi, olio essenziale (ricco in eucaliptolo, alfa-pinene, canfora, limonene, borneolo e bornile acetato), diversi acidi (glicolico, nicotinico e glicerico), colina, Vitamina C e tannini.

Ha proprietà diaforetica, carminativa, emmenagoga, nervina, antiossidante, colagoga, timolettica, decongestionante, antispastica, antimicrobica, stimolante della circolazione e febbrifuga.

Azioni sull’apparato digerente:

  • Protegge le pareti interne dell’intestino e riduce emorragie e diarrea;
  • Stimola l’appetito e la digestione, allevia flatulenza e distensione;
  • Migliora l’escrezione;
  • Favorisce la digestione di grassi e lo smaltimento delle tossine, grazie alle sostanze amare che stimolano il flusso di bile dal fegato e dalla cistifellea;
  • Ottimo contro itterizia, calcoli biliari e gotta

Azioni sulla circolazione:

  • Stimola la circolazione sanguigna alla testa e riduce infiammazione e tensione (specifico per emicrania e cefalea);
  • Stimola la circolazione generale e periferica;
  • Indicato in caso di vene varicose, geloni e arteriosclerosi.

Azioni sull’apparato respiratorio:

  • Contrasta le infezioni;
  • La tisana è impiegata in caso di febbre, catarro, mal di gola, raffreddori e influenza;
  • Antispastica in caso di asma.

Azioni sul sistema immunitario:

  • Antibatterico, antimicotico e antivirale.

Azioni sull’apparato urinario:

  • Diuretico, migliora l’eliminazione delle scorie.

Azioni sul piano mentale ed emozionale:

  • Eccellente tonico per il cervello, migliora la concentrazione e la memoria;
  • Calma l’ansia e allevia la depressione, l’esaurimento e l’insonnia.
mohamed_hassan / Pixabay

L’olio essenziale è ottenuto dalla distillazione a vapore delle cime fiorite (100 kg di pianta fornisce circa 1.500 kg di essenza).
Per uso esterno (in formulazioni semisolide – come le pomate – o liquide) è indicato come cicatrizzante di piaghe e scottature, parassiticida, reumatismi e dolori muscolari (grazie all’attività analgesica) e pediculosi.

Generalmente, si consiglia di impiegare preparazioni con concentrazioni di olio essenziale che variano dal 6% al 10% e di applicarle direttamente sulla zona interessata (compresse di garza e/o frizioni con soluzione alcolica al 2%).

L’essenza di rosmarino è controindicata in gravidanza e, in dosi eccessive, può provocare crisi epilettiche.

Una curiosità: l’alcolato di rosmarino era un tempo chiamato “Acqua della Regina d’Ungheria” (1370). Si narra che avesse trasformato una principessa settantenne, paralitica e gottosa in una seducente fanciulla, che fu chiesta in sposa da un re in Polonia.

 

Eleonora Ambrosanio

Eleonora Ambrosanio

Naturopata, Erborista, Specialista in Aromaterapia, Floriterapista Bach

Eleonora Ambrosanio ha 12 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Eleonora Ambrosanio

Eleonora Ambrosanio
EnglishItalian