L’intestino: questo sconosciuto

Per molto tempo l’intestino è stato considerato solo per la sua capacità emuntoriale, cioè di drenare le tossine alimentari dal nostro corpo, che rappresentano circa il 60% di ciò che ingeriamo.

Negli ultimi vent’anni è invece emerso sempre più prepotentemente l’importanza del suo ruolo rispetto alla salute dell’intero corpo umano sotto molteplici aspetti.

Vediamone una breve sintesi:

DIGERIAMO CON LO STOMACO? NO, DIGERIAMO CON L’INTESTINO!

E qui cade il primo mito: tutti sono convinti che la digestione avvenga solo a carico del nostro povero stomaco, ma le cose non stanno esattamente così! Nello stomaco avviene in realtà una predigestione della frazione proteica degli alimenti, mentre la gran parte del lavoro di metabolizzazione e assorbimento dei nutrienti avviene tramite l’intestino tenue, in particolare il DUODENO, che con i suoi villi presenta una grandissima superficie di contatto con il chimo, il cibo elaborato dai succhi gastrici.

LA MUCOSA INTESTINALE, OVVERO LA MADRE DELLA NOSTRA INFIAMMAZIONE SILENTE

La mucosa intestinale ha una funzione fondamentale per la nostra salute: è un organo unicellulare, costituita da enterociti tenuti insieme dalle giunzioni serrate che, in una situazione ottimale, impediscono alle tossine di penetrare attraverso la mucosa nel torrente ematico, mentre invece, lasciano filtrare attraverso i suoi micro orifizi i nutrienti. Quando la mucosa viene a contatto con il cibo può avere una reazione avversa, causata dalla qualità del cibo, o dalla sua modalità di assunzione, aspetti che vanno approfonditi parlando di quale alimentazione adottare per non scatenare la reazione infiammatoria della nostra mucosa intestinale.

Quindi la mucosa è l’organo preposto alla produzione di citochine, istamine, interleuchine, lipopolisaccaridi, molecole infiammatorie che poi, a cavallo di carrier chiamati esosomi, vanno a spasso del nostro corpo, cercando di ripristinare le corrette funzionalità ovunque abbiamo dei punti deboli.

Modulare l’infiammazione, a partire da una alimentazione non pro-infiammatoria è quindi una delle priorità assolute per chi vuole vivere sano!

SISTEMA IMMUNITARIO? PARLIAMO DI MICROBIOTA!

Il corpo umano è composta da circa 10.000 md di cellule, ma il nostro intestino, lungo circa 10 m, ospita una popolazione ricchissima di organismi viventi, fra cui batteri, virus, lieviti, muffe, parassiti…, per circa 100.000 md! Quindi circa 10 volte le nostre cellule! Possiamo ben dire che siamo noi ad essere loro ospiti, e non viceversa…e che andare d’accordo con il nostro microbiota è quanto meno opportuno, dato che sono più numerosi, più forti, più capaci di adattarsi al mutare della vita all’interno dell’alvo intestinale di quanto siamo capaci di fare noi!

Il microbiota intestinale rappresenta circa 2/3 del nostro sistema immunitario: in soldoni, se siamo vivi, nonostante i miliardi di patogeni che ogni giorno mangiamo, beviamo, ispiriamo e tocchiamo, Covid docet, è grazie a loro…. Forse dovremmo dar loro una maggiore considerazione!

HO MAL DI PANCIA! SONO DEPRESSO….

Abbiamo tutti provato la sgradevole sensazione di una pancia fuori posto, sia una colite, una stipsi o una dissenteria, e con questa regna il cattivo umore. Ora sappiamo anche il perché: non si tratta solo del disagio fisico, ma anche e soprattutto del nostro cervello intestinale.

Pochi sanno che il nostro intestino ospita tanti neuroni quanti ne possiede l’encefalo e che nel feto si sviluppa prima il cervello intestinale e poi quello encefalico!

I due cervelli si parlano, sono legati fra di loro ma sono anche capaci di lavorare autonomamente, come comprovato da alcune ricerche in cui ,dopo aver separato i gangli che li uniscono, ne hanno verificato la perfetta efficienza autonoma.

Il nostro cervello intestinale riceve dall’encefalo i segnali recepiti dai cinque sensi, ed è proprio lui che ci dice quanto ci piace o no quello che vediamo, sentiamo, tocchiamo…

E’ quindi la sede delle nostre emozioni:  ecco spiegato come mai un banale mal di pancia può essere fonte di pessimo umore!

Dott. Paolo Battaglia

 

Paolo Battaglia

Botanico specializzato nelle piante officinali, mi sono laureato nel 1981 presso l’Università degli studi di Torino. Ho sviluppato gli studi di fitoterapia, floriterapia, omeopatia, omotossicologia, seguendo i corsi di specializzazione delle due maggiori aziende tedesche del settore, Dhu e Heel, per conto delle quali ho curato per anni la formazione della classe medica che iniziava ad avvicinarsi a questo nuovo modo di affrontare la salute.. Mi sono specializzato in particolare nelle patologie dell’apparato gastro intestinale, seguendo negli anni numerosi corsi di approfondimento sul microbiota intestinale e la sua interrelazione con le più comuni cronicità dell’apparato digerente. Nel 2012 ho aperto a Giaveno (TO) il centro naturopatico e dietistico Biopharma, nato sul concetto di alimentazione come elemento principe nella cura della persona. Una dietista laureata presso la Facoltà di Medicina di Torino si occupa di tutte le problematiche legate al metabolismo, sempre con un approccio olistico e fitoterapico. Qui svolgo l’attività di naturopata, utilizzando anche discipline come l’auricoloterapia e il biomagnetismo, eseguo test per le intolleranze alimentari, test epigenetici, test Vedapulse per la lettura del battito cardiaco secondo la disciplina ayurvedica. Ho inoltre sviluppato una linea proprietaria di prodotti fitoterapici d’eccellenza in collaborazione con alcuni fra i più importanti laboratori italiani del settore.

    Paolo Battaglia ha 1 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Paolo Battaglia

    EnglishItalian